Graz

Da molti considerata una delle città più belle d'Europa. Graz è sicuramente una città che del suo patrimonio artistico e architettonico ha saputo fare la base per il suo futuro economico. Città del design e città universitaria oltre che luogo dal turismo sempre più fiorente

Eccoci in quella che molti considerano addirittura una delle più belle città europee. Di sicuro Graz è una città che merita una visita ma anche che si prenda in considerazione l'idea di lavorarci. Graz è sicuramente una città cosmopolita e, per certi aspetti che vedremo, una città che fa tendenza. Una città immersa nella cultura ma anche in un clima reso particolare dai molti studenti universitai che la frequentano. Del resto Graz ha una storia universitaria lunghissima che oggi continua con i suoi sei centri universitari e gli oltre 40000 studenti.

Solitamente quando si parla della storia di Graz la si fa cominciare con il medioevo, periodo in cui la città viene nominata come importante centro commerciale. Un secolo dopo fu la famiglia degli Asburgo a farne la residenza ufficiale e a renderla uno dei fulcri culturali del regno. Ma è attorno al 1500 che comincia quello che è un vero e proprio periodo d'oro per la città, con la creazione di alcuni dei suoi edifici più belli.

E questo patrimonio artistico architettonico è, ancora oggi, ciò che forse più di ogni altra cosa rappresenta l'anima più vera di una città che fa dell'architettura una delle sue peculiarità: non solo patrimonio antico ma anche edifici frutti di più ardite scuole. Esempio di questo è l'isola pedonale di Mur, creata nel 2003 anno in cui Graz divenne capitale europea della cultura. Ma non ci si può neanche dimenticare del fatto che il centro storico di Graz è stato dichiarato interamente patrimonio UNESCO dell'umanità nel 1999.

E, come dicevamo prima, l'architettura e il design sembrano essere davvero la più autentica vocazione di questa città (anche in termini occupazionali): vocazione sancita ufficialmente due anni fa quando Graz è divenuta Città del design Unesco. Di cosa si tratta? Di una sorta di piattaforma chiamata Creative Cities Network; rete il cui scopo è esattamente quello di incentivare e promuovere la cultura e la creatività di alcune città. Interessante sapere che i criteri in base al quale una città viene selezionata sono il cinema, la musica, il design, la gastronomia, i media, l'artigianato e la letteratura: ebbene, Graz ha ottenuto le massime votazioni in tutti questi ambiti. Un riconoscimento che non è rimasto lettera morta o semplice premio di cui fregiarsi ma fulcro economico della città. Graz infatti ha deciso di investire proprio su quella che viene chiamata "economia della creatività" in cui il design (con tutto ciò che questo comporta in termini economico-occupazionali) ha un ruolo fondamentale.

graz

Una vocazione artistica che diventa occasione economica proprio come sviluppo di nuove tendenze e contemporanea salvaguardia e valorizzazione del passato. Una politica che si sta rilevando economicamente vincente anche perché, grazie ad essa, Graz sta diventando una meta scelta da un numero sempre crescente di turisti.




Scrivici se hai domande o commenti sull'Austria

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento