Cultura austriaca

Pittura, musica, scienze, cinema, architettura: non c'è campo culturale in cui l'Austria non abbia dato il suo fondamentale contributo.

Ecco un altro argomento per esaurire il quale ci vorrebbe un libro intero. La cultura austriaca risente fortemente delle influenze di paesi come la Germania o l'Ungheria, con la cui storia si è fortemente intrecciata; ma nonostante ciò ha sviluppato elementi che le sono propri. Si può affermare tranquillamente che la cultura sia qualcosa che, in Austria, si respira praticamente ovunque, in ogni angolo e in molte delle manifestazioni che ne animano l'offerta turistica.

Per delineare almeno gli apsetti più importanti e riconosciuti della cultura austriaca non si può tralasciare la sua architettura e le sue arti figurative. In questi campi spiccano, in particolare, nomi come quello di Hundertwasser. Esponenti principali di quello che venne chiamato il movimento artistico della Secessione Viennese furo, senza dubbio Otto Wagner e Joseph Maria Olbrich. Veri mostri sacri della cultura austriaca furo artisti della pittura quali Klimt, Schiele, Kokoschka, Weile e Brus.

Tra i regali più belli fatti dalla cultura austriaca al mondo intero non possiamo dimenticare la musica, ricca di nomi del calibro di Mozart, Haydin, Schubert, Malhler, Strauss celebre per i sui mitici valzer viennesi. Nel cinema siamo debitori all'Austria per nomi quali quello di Fritz Lang e dell'attore Klaus Maria Brandauer.

Nelle scienze la cultura austriaca ha dato il suo contributo forse più imperituro con persone come Sigmund freud, Konrad Lorenz e il pade degli studi sull'ereditarietà come Gregor Mendel.




Scrivici se hai domande o commenti sull'Austria

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Commento